Campagna di marketing digitale

Quali sono i passi da seguire per attuare un’efficace campagna di marketing digitale? Ecco il primo di una serie di articoli volto ad indagare gli step più importanti per comporre una strategia marketing di successo, si parli della promozione di un brand, di un prodotto da immettere sul mercato o – perché no, la nostra figura professionale.

Il corso Larin

Chi fa marketing non può mai smettere di informarsi: la società, i canali di comunicazione in generale e soprattutto internet cambiano di continuo ed è impensabile ritenere di aver raggiunto la vetta. Per questo motivo nell’ultimo mese ho iniziato un corso promosso da Larin Agency, agenzia di marketing che fa parte di Larin Group, di origine veneta e affermata all’interno del panorama nazionale ed estero, per approfondire gli aspetti legati alla progettazione di una buona campagna di comunicazione. Ringrazio in particolar modo Alberto Nalin, Chief operating officer di Larin Group, che ha accompagnato la mia classe nelle prime puntate del nostro fantastico percorso!

Alberto Nalin, Chief operating officer di Larin Group

Cos’è il marketing

Pensando al marketing ci vengono in mente persone smart che lavorano sorseggiando aperitivi, social network e promozioni su internet, ma in realtà il marketing è un’altra cosa. Si tratta di una scienza composita, che prende in prestito conoscenze da diversi ambiti (psicologia, economia, statistica, retorica ecc.) per comporre la soluzione più adatta all’azienda e al contesto.

Il Marketing coinvolge e permea tutte le attività all’interno di un’azienda: il processo che parte dalla produzione del prodotto/servizio fino alla vendita e al post vendita viene influenzato dalle strategie concordate con chi si occupa del marketing. Un brand non può tradire le aspettative del proprio pubblico, un prodotto non può essere venduto se non è fatto in un certo modo e i processi lavorativi non possono prescindere da un profondo orientamento alla soddisfazione del cliente, tipica delle buone strategie di marketing.

Forma mentis corretta

Prima di passare in rassegna gli strumenti operativi messi a disposizione dal web per mettere in piedi un’efficace campagna di marketing, è fondamentale comprendere il giusto approccio al marketing, sfatando, se necessario, le credenze errate che circolano tra coloro che non sono del mestiere. Da qui in avanti le nostre parole chiave saranno: duro lavoro, umiltà, ascolto delle persone e onestà.

Duro lavoro, umiltà e onestà

Sfatiamo alcuni preconcetti: per mettere in piedi una campagna marketing di successo bisogna lavorare sodo e porsi in ascolto. I risultati non arrivano da soli e una campagna di comunicazione efficace richiede un solido lavoro di analisi preliminare riguardo a tutto quello che concerne il mondo del brand da promuovere (il brand stesso, il suo prodotto, il target di riferimento, mercato, competitors…). Il lavoro di analisi richiede una grande dose di umiltà: ogni nuovo cliente mette di fronte a settori sconosciuti, richiedendo di diventare i suoi massimi esperti. Per espletare al meglio tale compito chi lavora nel marketing deve mettere da parte quello che crede di sapere, per ascoltare, osservare e cogliere anche l’impensabile. Dobbiamo essere pronti a cambiare in qualsiasi momento la direzione del timone, valutando i risultati descritti dai numeri.

Il marketing, poi, non vende fuffa. Parte da un prodotto buono, mette in luce le sue caratteristiche differenzianti e aumenta il suo valore percepito. Se non c’è un buon prodotto, non c’è buon marketing, insomma.

Il marketing non è per tutti

Non esiste una formula buona per tutti, l’analisi preliminare serve per confezionare un abito su misura al cliente, in modo che presenti lui e solo lui nel migliore dei modi. Non è detto, quindi, che la strategia utilizzata per lui vada bene anche per gli altri clienti.

Il cliente assieme al marketer dovrà valutare come e se procedere, considerando che proseguire nel progetto potrebbe comportare un cambiamento di approccio nei confronti dell’utilizzo dei canali di comunicazione.


Ci vediamo sul prossimo numero (clicca qui per leggere subito l’articolo) con un approfondimento rispetto a pubblico targhet, brand positioning, competitors e molto altro!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>